Qual è il rispetto positivo incondizionato?

La considerazione positiva incondizionata è un concetto che nasce dai terapeuti dell’umanista in anticipo, specialmente dalla persona o dalla terapia centrata sul cliente. Sebbene questa definizione sia di breve durata, una delle idee principali espresse in questo primo lavoro è che ogni persona che riceve la terapia merita rispetto e alla fine ha gli strumenti per passare da un sé che è meno desiderabile a uno che è desiderabile. Ciò viene facilitato dalla presenza e dall’accettazione del cliente da parte del terapeuta in ogni momento, e in particolare dal concetto di considerazione positiva incondizionata, che afferma l’accettabilità del cliente, sebbene abbia qualità sia buone che cattive.

Comprendere la differenza tra la considerazione positiva condizionale e incondizionata è di valore nel cogliere il significato del termine ultimo. Condizionale significa incernierato o dipendente. Una persona in questo scenario può guadagnare stima o attaccamento solo se si comporta o pensa in determinati modi, e il mancato rispetto degli standard di un’altra persona può renderli isolati o soli. Un genitore che mostra affetto a un bambino solo quando quel bambino si comporta bene a scuola o in qualche altro modo non esprime alcun tipo di amore incondizionato. Invece, il genitore ha stabilito i termini in base ai quali verrà premiato, e il bambino è lasciato crescere con l’atteggiamento che la differenziazione dal genitore è sbagliata o cattiva.

Gli psicologi umanisti come Carl Rogers hanno affermato che nell’ambiente della terapia, la gente potrebbe per la prima volta incontrare un atteggiamento positivo incondizionato. La maggior parte delle relazioni stabilisce le condizioni, il che significa che la maggior parte delle persone non è mai stata pienamente accettata sia per i fallimenti che per i trionfi. Quando il terapeuta adotta questo atteggiamento, potrebbe essere, secondo Rogers e altri, uno degli ambienti più curativi possibili. Una persona a cui è permesso di essere chi è o non è costretta a sforzarsi contro le condizioni ei giudizi costanti che incontrano lui o lei nel mondo reale, e questo è un ambiente in cui possono verificarsi cambiamenti dinamici.

Molte persone guardano a questo concetto e vedono difetti immediati in esso, per esempio se la persona ha comportamenti che sono pericolosi per sé o per gli altri. Con comportamenti autoaggressivi, Rogers e altri sottolineano che è possibile accettare una persona senza approvare un comportamento. Se una persona taglia per esempio e il terapeuta nega attenzione e preoccupazione, non è molto salutare. Al contrario, un cliente che si auto-ferisce ed evoca la cura e la preoccupazione di un terapeuta potrebbe essere in grado di spostarsi in un luogo in cui la lesione alla fine non si verifica. Soprattutto nella terapia moderna, il rispetto incondizionato non significa che un terapeuta non possa intervenire per salvare un cliente dal male, ma questa azione deriverebbe da profonda preoccupazione e rispetto invece che da qualsiasi tipo di posizione punitiva.

Questa posizione di considerazione positiva incondizionata non è solo un modello in terapia. Molti sostengono che possa essere un modello per i capi di stato, i conducenti in viaggio, i genitori ei loro figli, le imprese e le persone che servono. È stato sostenuto che, provenendo dalla direzione che tutte le persone hanno un diritto fondamentale verso l’amore e il rispetto, potrebbe essere trasformativo in un mondo intero.