Cos’è la cognizione visiva?

La cognizione visiva copre molti aspetti come il riconoscimento di volti, scene e oggetti, l’attenzione e la ricerca visiva, il riconoscimento e la lettura di parole visive, il controllo del movimento oculare e la visione attiva, la memoria visiva a breve termine ea lungo termine e le immagini visive. La cognizione si riferisce al modo in cui un individuo acquisisce e elabora le informazioni e coloro che si orientano verso uno stile cognitivo visivo preferiscono elaborare le informazioni visive piuttosto che, ad esempio, informazioni acustiche o verbali. Ci sono diverse strategie che si possono usare quando si elaborano le informazioni visive

Cognizione significa processi mentali come ricordare, parlare, risolvere problemi e prendere decisioni. La cognizione visiva si riferisce al modo in cui il cervello risponde agli stimoli visivi, in altre parole, il processo soggettivo in cui il vedere diventa, attraverso un processo oggettivo, un oggetto, una parola o una memoria. Prima che la cognizione possa aver luogo, deve esserci una sorta di input sensoriale, in questo caso visivo. Ciò che l’occhio vede non è, diciamo, un vaso. Ciò che vede l’occhio è una serie di linee, forme e colori. È solo quando quell’informazione ha raggiunto il cervello ed è stata elaborata, che la forma diventa un vaso di ceramica arrotondato. Questo può sembrare un processo semplice ma non lo è.

La definizione della forma come vaso è il risultato della conoscenza visiva, ma la conclusione raggiunta potrebbe essere stata altrettanto facilmente una brocca d’acqua o un portacandele. Ogni decisione viene presa principalmente rifiutando per prima cosa tutte le altre possibilità che a loro volta sono dovute all’esperienza, ai pregiudizi o persino a un capriccio. Questo tipo di elaborazione delle informazioni prende in considerazione domini visivi come profondità e domini dinamici come movimento e intenzionalità.

La cognizione visiva è stata presa sul serio solo dalla fine degli anni ’80 quando, in gran parte a causa dei progressi tecnologici, sono stati scoperti nuovi e notevoli aspetti dell’elaborazione degli stimoli visivi. Tuttavia, la visione umana solleva ancora molte domande. La ricerca ha dimostrato che una persona non può vedere qualcosa anche se potrebbe guardarla bene se, allo stesso tempo, si sta concentrando su qualche altro schema visivo. Uno studio ha dimostrato che le persone non sono consapevoli di ciò che è nel loro campo visivo il 99% delle volte, eppure gli esseri umani pensano di poter sempre vedere tutto. Ciò si verifica perché se una persona ha bisogno di vedere qualcosa, attraverso una serie di rapidi movimenti oculari, può elaborare tutte le informazioni visive di cui ha bisogno al momento. Il cervello costruisce una query visiva e quindi viene eseguita una ricerca visuale per soddisfare tale query.