Qual è la connessione tra ormoni e depressione?

Diversi fattori indicano una connessione tra ormoni e depressione. Il collegamento più interessante deriva dal fatto che il rischio di depressione è maggiore durante i periodi di squilibrio ormonale, soprattutto per le donne. Gli esperti devono ancora determinare l’esatta relazione tra ormoni e depressione, ma gli studi hanno dimostrato che gli ormoni svolgono un ruolo nella depressione e nei sintomi correlati.

Sebbene si sospetti che diversi ormoni siano collegati alla depressione, due dei più comuni sono l’estrogeno e il progesterone. Entrambi si trovano naturalmente nel corpo femminile e le carenze sembrano causare depressione o sintomi depressivi. Le donne manifestano depressione più frequentemente dopo il parto e durante le mestruazioni, la premenopausa e la menopausa, tutte situazioni in cui il corpo si trova in uno squilibrio ormonale estremo. La correlazione specifica causa-effetto tra ormoni e depressione è sconosciuta, ma le statistiche hanno dimostrato che la depressione si verifica più frequentemente quando gli ormoni sono fuori equilibrio.

Circa l’80% delle neo mamme sperimenta un certo livello di depressione dopo il parto. Il cosiddetto “baby blues”, una forma di depressione comune e minore, è da tempo legato alle condizioni ormonali fluttuanti che si verificano dopo che una donna ha avuto un figlio. Nella maggior parte dei casi, gli ormoni tornano alla normalità entro poche settimane ei sintomi depressivi scompaiono da soli. Si stima che il 15% delle donne soffra di una condizione molto più grave nota come depressione postpartum. Questo è legato anche allo squilibrio ormonale, ma altri fattori probabilmente contribuiscono a questa grave depressione e il trattamento è richiesto.

La depressione si verifica anche più frequentemente nelle donne che stanno attraversando la menopausa, con circa il 10% che soffre di depressione maggiore. I livelli di estrogeni iniziano a diminuire durante la menopausa e questa carenza è pensata per portare alla depressione. Le donne che ricevono la terapia ormonale durante la menopausa hanno dimostrato di avere meno probabilità di soffrire di depressione. Il legame diretto tra ormoni e depressione durante la menopausa è sconosciuto, ma i livelli ormonali normali sembrano scoraggiare lo sviluppo della depressione.

Ormoni e depressione sono anche collegati dalla tiroide. La tiroide regola la produzione di ormoni negli uomini e nelle donne e si ritiene che alcuni casi di depressione siano associati a malfunzionamento della tiroide. La depressione e una condizione della tiroide hanno sintomi simili e la terapia ormonale potrebbe regolare la funzione tiroidea e i comportamenti depressivi associati.

Gli esami del sangue possono rivelare uno squilibrio ormonale nei pazienti che soffrono di depressione. Quando le anomalie ormonali si verificano insieme alla depressione, i medici potrebbero aggiungere ormoni ai programmi di trattamento tradizionali. La ricerca ha dimostrato che i problemi con gli ormoni e la depressione possono essere corretti combinando la terapia ormonale con antidepressivi e terapia comportamentale o verbale. Gli ormoni sono stati usati da soli per curare la depressione con un certo successo. Come con qualsiasi condizione medica, si consiglia un parere professionale prima che una persona subisca qualsiasi procedura o trattamento.