Qual è la differenza tra anoressia e bulimia?

L’anoressia e la bulimia sono entrambi disturbi alimentari che si ritiene abbiano una componente psicologica oltre che una manifestazione fisica. Sebbene possano essere causati da fattori correlati, i sintomi, il trattamento e gli effetti sulla salute segnano una netta differenza tra anoressia e bulimia. Capire la differenza tra anoressia e bulimia può aiutare a migliorare la consapevolezza di entrambe le condizioni e mettere in cerca genitori e amici alla ricerca di segni di un disturbo alimentare in via di sviluppo in una persona cara.

Probabilmente la differenza più semplice tra anoressia e bulimia è nel metodo utilizzato per esprimere il disturbo. Le anoressiche cercano di evitare il cibo, essenzialmente spingendosi fino alla morte per fame rifiutandosi di mangiare o mangiando solo raramente. I bulimici, al contrario, possono cercare di evitare il cibo ma spesso cadono in un ciclo di abbuffate seguite da spurgo tramite l’uso di lassativi o vomito indotto. Entrambe le condizioni sono estremamente dannose per l’organismo e possono comportare conseguenze per la salute per tutta la vita o addirittura la morte.

Le persone negli stadi avanzati dell’anoressia sono generalmente notevolmente sottopeso, nonostante la costante insistenza sul fatto che siano grassi o che pesino troppo. Dal momento che i bulimici generalmente assumono più calorie su base regolare, possono sembrare di avere un peso sano anche mentre stanno lottando con un grave disturbo alimentare. I segni fisici più evidenti della bulimia comprendono alitosi coerente con vomito regolare, denti macchiati e un aspetto gonfio al viso.

Un’altra importante differenza tra anoressia e bulimia è il modo in cui ogni disturbo danneggia il corpo. La mancanza di un’esperienza di anoressia nutrizionale coerente porta a un sistema immunitario soppresso, alla perdita di densità ossea, all’affaticamento e alla debolezza cronici, alla bassa pressione sanguigna e al potenziale rischio di insufficienza d’organo. I bulimici tendono a fare più danni al loro sistema digestivo e rivestimento esofageo attraverso lo spurgo costante, e possono soffrire di reflusso acido, irregolarità, gravi crampi allo stomaco e possibili lacrime nell’esofago.

Le raccomandazioni terapeutiche possono essere un’altra differenza tra anoressia e bulimia, sebbene il trattamento varierà su base individuale. La maggior parte dei programmi di trattamento comprende sia l’assistenza psicologica che le misure pratiche. Oltre a lavorare sui problemi psicologici che possono aver causato l’evolversi di un disturbo alimentare, le persone con grave anoressia potrebbero dover sottoporsi a programmi di aumento di peso sotto controllo medico per riportare il corpo a un peso sano, nonché un trattamento medico per qualsiasi associato complicazioni fisiche. Poiché molti bulimici mantengono un livello di peso relativamente sano, il trattamento è più focalizzato sull’alterazione delle abitudini di vita e sull’introduzione di principi alimentari sani per cercare di ridurre il bisogno percepito di episodi di abbuffata / spurgo.

Sebbene le basi psicologiche dell’anoressia e della bulimia possano variare considerevolmente, molti casi di anoressia sono legati a problemi di immagine corporea distorti, mentre la bulimia è più spesso associata a problemi di controllo. Entrambi i disturbi sono strettamente legati alle donne, in genere quelle adolescenti o ventenni. È importante notare che non esiste una regola assoluta in merito a quando e in quali dei due disturbi possono manifestarsi, e molte persone che sviluppano un disturbo alimentare nella giovane età adulta possono avere difficoltà con il resto del resto della loro vita.